TopBlog di TopHost: la recensione

TopBlog di TopHost: la recensione

E’ da un pò che non mi sentite, e ho deciso di riapparire con una recensione. Giorni fa ho trovato su twitter (io sono @g_bonfiglio) un codice coupon TopHost per attivare un pacchetto ad 1 € per il primo anno. Ero curioso, ed essendo in vacanza ho deciso di provare un TopBlog. Il servizio si presenta come una piattaforma di blogging completa basata su WordPress, corredata di un dominio e di 1 GB di spazio per gli allegati ed una casella email di 200 MB di spazio con infiniti alias attivabili, al prezzo normale di 9.59 € + IVA annuali.

Ho ordinato il pacchetto con un dominio .net, nelle prime ore del pomeriggio ed è stato attivato la mattina dopo. L’attivazione non è istantanea (non azzarderei, forse non è automatica) ma è veloce. Ho impressione che giri un qualche tipo di cron per completare le attivazioni, quindi con forte probabilità sarebbe stato attivato alle 7 di mattina anche se lo aveste ordinato due ore prima.

TopBlog è corredato da due pannelli di controllo: uno, quello classico di TopHost (ridotto) tramite il quale posso gestire l’account e gli alias email ed accedere alla webmail Horde e alle statistiche del server, ed il pannello di WordPress MU tramite cui si lavora sul blog vero e proprio.

Come ho più e piùvolte ripetuto, trovo il servizio email di TopHost ottimo: i filtri antispam funzionano egregiamente, è disponibile accesso sia POP3 sia IMAP4, ed è offerto anche il servizio SMTP (autenticato ovviamente). I tempi di accesso e le prestazioni del servizio in generale sono ottimi.

Per quanto riguarda il blog, non sono altrettanto soddisfatto. La prima cosa che mi ha colpito è stato lo sfondo blu dell’area di amministrazione e il suo vecchio design: chi conosce WP saprà certamente che la grafica è stata rinnovata da più di 2 anni. Ne deduco quindi che la versione di WordPress usata sia qualcosa come la 2.3/2.5, entrambe datate a metà 2008. Da una azienda che parla spesso di CMS abbandonati (nel post promettono la sospensione dei siti con cms non aggiornati… spero solo non si auto-sospendano) e chiede ai clienti frequenti aggiornamenti degli script usati, mi sarei aspettato se non una latest almeno una versione recente.

Non parliamo infatti di un CMS vecchio di qualche settimana o mese, ma di qualche anno: i rischi per la sicurezza derivanti da CMS non aggiornati come loro stessi ricordano sono alti, e non solo, gli utenti potrebbero apprezzare le nuove features e la notevole semplicità delle nuove versioni di WordPress. Ho subito aperto un ticket chiedendo la data dell’aggiornamento, credendo fosse una procedura ovvia e pianificata: mi è stato risposto che al momento non ci sono piani per l’aggiornamento della piattaforma.

Ho poi fatto un giro tra i plugin disponibili, che sono datati ed in numero veramente limitato. La stessa cosa dicasi per i temi: non sono molti (una ventina), e sono decisamente scarni, semplici e molto simili. La scelta dunque non è molta.

Mi sono poi imbattuto in un bug: un plugin chiede l’aggiornamento e mi offre il link per effettuarlo, ma non ho i permessi per completare l’operazione.

Per quanto mi riguarda il servizio allo stato in cui è ora, è inutilizzabile: non trovo un tema fresco e decente, mi mancano alcuni plugin utili e non affiderei mai il mio blog ad una piattaforma così vecchia e a rischio (googlando si trovano diversi report di vulnerabilità XSS di WordPress MU, sempre prontamente corretti… per chi ha aggiornato).

Sono rimasto seriamente deluso dal servizio, e come risultato, dopo neanche 10 giorni di TopBlog (di cui 8 passati lontano dal pc) ho chiesto il passaggio a TopWeb che ho potuto completare rinnovando il pacchetto in anticipo, con l’idea di installare il CMS per conto mio. Per chi continuasse a preferire una piattaforma hosted per la sua semplicità, consiglio wordpress.com o blogger.com, a cui manca solo il dominio di secondo livello, che è acquistabile a circa 15 $.

A questo  punto sarei curioso di recensire le alternative (tra cui anche Aruba Blog e i servizi classici come Tiscali Blog o Libero Blog), potrebbe interessare come serie di articoli? Fatemelo sapere, grazie.

Buone Vacanze

Giorgio

7 thoughts on “TopBlog di TopHost: la recensione

  1. Precisiamo che sebbene la piattaforma Topblog non sia aggiornata la sicurezza è mantenuta da speciali patch e configurazioni di sistema da noi effettuate.

  2. Grazie per la risposta, era inaspettata veramente. Ripeto quanto detto su Twitter:

    Perchè non aggiornare? Parliamo di un prodotto dalle potenzialità immense: in italia al momento non c’è nulla di simile (a parte Tiscali Blog che usa WP ma è molto chiuso e Altervista Blogs che è già una cosa diversa) e tophost è una delle poche aziende che può dare una idea di affidabilità ad un servizio simile (non mi fiderei mai di una piattaforma hosted con meno di 10mila utenti, io), e avete la struttura necessaria per farlo (wb-01 sembra una vm xen, quindi la cosa è stata studiata).

    Serve veramente poco, a mio parere:

    – Aggiornamento alla latest (che, per quante personalizzazioni possano essere state fatte, difficilmente prenderebbe più di un giorno)

    Una volta fatto questo si avrà accesso a decine e decine di plugin, su cui si potrà fare una selezione molto più completa di quella attuale. Stesso discorso sui temi: occupano 2 mb l’uno, non costa niente installarne 200, lasciarli li per gli utenti e far decidere a loro.

    L’idea è buona e innovativa, le potenzialità le avete, il nome c’è, perchè fare una figura così magra mandando online una bara che con neanche un giorno di lavoro diventa il servizio migliore che si sia mai visto?

    Giorgio Bonfiglio

  3. Ciao Giorgio

    Il mio commento era forse troppo buono, diciamo che considerando il prezzo forse mi aspettavo un servizio cosi cosi.. carente..

    La cosa peggiore di tutto è che il servizio non permette di effettuare dei backup seri, dovesti scrivere soprattutto questo nella tua recensione.. Un accesso al Database e ai file ci servirebbe comunque.

    Non possono essere salvate le immagini inviate negli articoli con il sistema attuale ad esempio.

    1. Scusa il ritardo. A dire il vero nessuna piattaforma hosted ti permette un backup serio, a parte l’esportazione XML di WP.com, ma per me non è una feature fondamentale.

      Chi offre una tale piattaforma hosted deve saper fare i backup per conto suo.

      Giorgio

Leave a Reply

%d bloggers like this: