La Generation Y e l’Analfabetismo Funzionale.

La Generation Y e l’Analfabetismo Funzionale.

Ho 24 anni compiuti da poco e ho la fortuna di vivere e lavorare in un contesto aperto, globale, di quelli in cui non si smette mai di crescere: lavoro ogni giorno a fianco di inglesi, israeliani, americani, argentini, malesiani e molti ancora, e ho relazioni personali con ragazzi/e di una gamma ancora piu’ vasta di nazionalita’.

millennial

Si tratta di persone che hanno girato il mondo, che vivono in ambienti altamente competitivi, persone che per seguire i propri sogni e obiettivi si sono trasferite anche a decine di ore di volo dai posti dove sono cresciute e dove hanno famiglie, amici e legami. Persone che si sono spinte sempre oltre i propri limiti, dal collega argentino seduto di fronte a me, alla mia (ex?) ragazza siberiana, che, cascasse il mondo, ogni 3 mesi torna a casa dalla mamma almeno per un weekend.

Persone che attraverso percorsi differenti sono arrivate a sedere di fianco a me o a far parte della mia vita, persone come me che sanno di essere solo ad uno step intermedio, perche’ non bisogna mai smettere di crescere e di alzare la barra. Persone che hanno sempre fatto scelte forti sapendo benissimo che avrebbero dovuto pagarne prezzo e conseguenze molto prima di vederne, in lontananza, i risultati.

Faccio parte di quell’ala della Generation Y che non smette mai di correre, che pretende di far girare il mondo a suo piacimento ma che ha anche imparato a viverci, quell’ala della Generation Y che prova, instancabile, a dare un senso a tutto il resto.

Siamo quell’ala che mai si ferma, che fa della crescita e del miglioramento continuo lo scopo della sua esistenza, la GenY che sposta sempre la linea del traguardo qualche metro piu’ in avanti rispetto a dove deve arrivare, la Generation Y che cerca dei miti e degli esempi di vita non per poterli seguire e venerare ma solo per poterli superare.

Siamo i Millennials mai contenti, siamo quelli che anche quando raggiungono una meta non sentono di essere arrivati, perche’ ancora prima di raggiungerla iniziamo a pensare a quella successiva. Siamo quelli che non puoi chiudere in una stanza, un paese o in uno stato, perche’ le barriere ci fanno stare male, e perche’ vogliamo sempre andare oltre quello che abbiamo.

Il viaggio e la distanza sono fondamentali. Sono circondato da persone che non hanno mai dato importanza al proprio “orticello”, che se ne sono andate e che magari poi sono anche tornate, ma che comunque hanno avuto la forza, o forse il coraggio, di staccarsi da quello che avevano e in cui, tutto sommato, stavano bene.

Ognuno di questi a modo proprio si e’ scontrato con il mondo: chi lavora in un mercato globale dove per sopravvivere non basta essere tra i migliori del quartiere, bisogna essere tra i migliori del mondo, chi ha superato test di ingresso e graduatorie allucinanti contro ragazzi provenienti da ogni parte del pianeta per entrare in una universita’, chi semplicemente ha preso e se ne e’ andato, cercando una vita nuova.

C’e’ una barra tra questo tipo di persona e tutto il resto: riflettendoci, nella mia vita questa barra credo di averla superata all’inizio del liceo. Ho frequentato un istituto che ci era stato presentato come l’inferno, dove bisognava correre e studiare o si rischiava di rimanere fuori dai giochi, e forse questa e’ stata la chiave: chi si e’ ritrovato li’ con me aveva gia’ fatto una scelta, si era gia’ spinto oltre. Aveva rischiato.

Vi assicuro che ne stiamo raccogliendo risultati, dal primo all’ultimo. Chi li raccoglie gia’, chi sta per iniziare a farlo, chi deve forse ancora convincersi e aprire gli occhi per vederli.

Sotto questa barra non ci sono mai piu’ voluto tornare, nemmeno come turista, perche’ c’e’ anche la parte che e’ rimasta sotto. Quelli che hanno fatto scelte a breve termine, quelli per cui essere liberi tutti i pomeriggi era piu’ importante di ogni altra cosa. Quelli che non si staccano dal loro contesto locale, perche’ e’ li’ che spadroneggiano e sanno benissimo di non essere in grado di spostarsi, perche’ per raggiungere la stessa posizione in qualunque altro posto dovrebbero confrontarsi con il mondo intero.

Sono anche quelli che alle elementari hanno imparato a leggere dopo tutti gli altri, e che in terza media ancora non sapevano leggere una pagina senza incastrarsi o balbettare. Quelli che, insomma, si sono accontentati e che continuano a farlo, guardando con disprezzo chi e’ andato oltre, nella convinzione che se loro non ci possono arrivare, allora non puo’ farlo nessuno e deve sicuramente esserci un trucco da qualche parte.

Il problema, e’ sociale e non personale: perche’ chi rimane sotto non sviluppa capacita’ di giudizio, di analisi, e spesso manca anche delle capacita’ basilari di comprensione necessarie a vivere in questo periodo storico. Vive da schiavo facilmente controllabile in un periodo dove le idee sbagliate uccidono (gli altri), periodo dove ci sono persone, e macchine, che stanno imparando ad usare le folle di ignoranti a loro favore. Non riuscire a giudicare quello che succede nella vita quotidiana diventa in breve tempo un grave rischio: i mezzi che oggi sono disponibili a chiunque permettono di esprimere opinioni troppo alla leggera, e rendono molto semplice la raccolta di adepti e di schiavi degli schiavi. Creando nuovi branchi.

Si chiama Analfabetismo Funzionale. I sociologi lo hanno correlato a crimine, uso di droghe, basso reddito e in generale basso livello di soddisfazione. L’analfabetismo funzionale crea masse, masse facili da controllare e da usare a piacere. Dobbiamo di nuovo imparare a difenderci dai branchi.

Fortunatamente, c’e’ una gran parte della generazione che ne sta portando alto il nome nel mondo.

Non guardate sotto la barra, guardate sopra.

Leave a Reply

%d bloggers like this: