Browsed by
Tag: blog

Time to clean things up.

Time to clean things up.

It was largely unexpected, but yesterday’s post had an enormous success. Okay, nothing compared to The Blonde Salad‘s posts, but I wasn’t expecting at all to get 500 visits in a couple of hours on a blog that I was considering as dead & forgotten.

This means it’s time to focus on improving your experience on this website. The weather in Ireland, where I currently am, is really helping me focus on my blog:

img_2570

What I’ve done so far, in detail:

  • HTTPS: I finally completed the SSL integration. All static links have been modified to use HTTPS, and any HTTP URL is now redirecting to its SSL version.
  • Categories & Tags: I wasn’t using categories and relied on tags to categorize my posts. After a few years the tag cloud had become a real mess, so I spent a few hours in cleaning it up and reducing the number of tags per article. From now on, every post won’t have more than 5 tags and will belong to 2 categories: the real category, and a second one (English, Italian) based on its language.
  • Caching: WordPress wasn’t performing at its best, so I tuned W3 Total Cache and switched to Memcache as its backend. It’s much better now.
  • Permalinks: Sounds like my permalinks are not so permanent. I’ve modified some titles and URLs, so you should expect to incur in 404 errors for the next few days if you’re getting here via Google or old links.
  • MySQL: Yes, believe it or not, I was still using MySQL 5.5. Switched to MariaDB 10.1, and I’m in the process of tuning it: you should expect some brief downtimes in the next few hours, while I restart services.

That’s it, for now at least.

Stay tuned!

Giorgio is back!

Giorgio is back!

Yes, I’m back: this blog has been abandoned for like three years now, and I feel it’s time to bring it back to life. There is no particular reason behind this choice: I just need a virtual place where I can express my ideas and aggregate content I’ve always been disseminating over the internet for free (comments, forum posts, and so on).

New life means new theme (still in its basic version) and new language: some of my old posts are being read trough Google Translator, and as in the last few years my main language (mainly due to my job(s) and relationships) has been english, I have no reason at all to keep posting in italian. It’s just going to restrict my audience.

This time I won’t do what I did in all the previous “renovations”: I won’t destroy the old posts. The first one dates back to 2009 and I think they are a pretty important piece of history for them to disappear from the internet. I’m recovering the backups of the old versions of this blog in order to merge them with this one.

So, what has changed in those three years?

First, and maybe most important choice to date, I decided to put on hold (and then completely abandon) my studies at the University (Politecnico di Milano). This choice has been strongly dictated by the context (I was attending in Italy): although I perfectly understand the importance of learning the basis and developing a method for “doing things”, I felt what I was studying was too far behind reality. Spending years and thousands of euros to end up working as an underpaid intern in some big company was definitely not what I was expecting from my life.

The networking manual we were using (please mind it was 2013 and it was still being printed and was largely adopted) at a certain point stated that Ethernet was being superseded by FastEthernet, and that some big ISPs were deploying experimental long haul GigabitEthernet links. This was way too much (for non technical people reading this post: in 2013 we were already in the Terabit/s era, with multiple 100GigabitEthernet -100 times GbE- being used in long haul transits): reading this sentence, and then seeing that people that was able to get the best marks at the exam while thinking that GbE was the future (and not the past), helped me realize how detached from reality we were.

I decided to stop wasting time and joined CloudAcademy, a company that is trying to explain and show people how to take advantage of cloud services, as the Training Paths Supervisor. Feeling I had to head back to the battlefield, I decided in a few months to move to Enter, an italian ISP/CSP which at the time (late 2013) was working on the launch of a new multi-region OpenStack-based IaaS service, Enter Cloud Suite.

In Enter I have been employed first as a Cloud Architect and then as the Head of Cloud Architecture, with ECS as the main focus: I spent 2 years and a half designing and implementing hosting infrastructures for large scale news and e-commerce websites and designing, implementing and sometimes managing the OpenStack infrastructure behind Enter Cloud Suite. I was focused on the networking stack (both physical and overlay), and this gave me the opportunity to meet some very interesting realities like Cumulus Networks and Mellanox.

Then, in the first months of 2016, Amazon Web Services called: they offered me a position as a Technical Account Manager in London and I decided to accept it and move from Milan: everything happened so quickly I still have to realize what this means.

It’s very hard to explain what does it feel like being part of such a fast growing company, the one that has been the reference for your entire working life. “Work Hard. Have Fun. Make History.” is our slogan, and what it is all about: I’m sitting in the buildings where history is being written, day by day.

That’s it. This is the story of how I ended up writing this post, while laying on the bed in my apartment in Canary Wharf.

This is definitely a new beginning, and not just for this blog.

img_2230

As you wait for the next post, please enjoy the view from my bedroom.

Giorgio

Qualche aggiornamento…

Qualche aggiornamento…

wip

Approfittando del week end pieno di cose da fare, ho aggiunto alla mia todo le pulizie di primavera del blog (a Novembre, ovviamente).

Riepilogo, in ordine sparso:

  1. Ho cestinato il vecchio tema, che era decisamente troppo pesante e scuro, sostituendolo con “Twenty Thirteen”. Colori a parte mi piace un sacco, ma per ora resta così perchè sto valutando di abbandonare WordPress e rischio di far sviluppare un tema per usarlo solo 2/3 mesi.
  2. Ho fatto un update del server: sono passato a Debian 7 e ho aggiornato PHP, MySQL e parenti all’ultima versione.
  3. Poco dopo aver completato il passaggio 2, a causa di un flooding di richieste, ho realizzato che il vecchio server era “troppo stretto” e, in piena logica “spendili sti soldi, cazzo”, ne ho installato uno con il quadruplo delle risorse rispetto al precedente.

Il nuovo server (gi.grg-web.eu*) è ospitato a Londra, contro il precedente (vs.grg-web.eu) che era a Vienna (vm.grg-web.eu, il predecessore di vs, era a San Jose): questo migliora il posizionamento internazionale, ma probabilmente penalizzerà leggermente le visite dall’Italia. Niente di eccessivo, prometto.

Sono cambiati entrambi gli IP, quindi potreste notare problemi legati ad eventuali cache naziste per le prossime 24/48 ore. Il blog ovviamente è ancora raggiungibile in dual-stack (sia IPv4 che IPv6).

Se doveste riscontrare qualche problema, vi prego di segnalarmelo: potreste vincere una caramella (e la mia eterna gratitudine, che comunque non è poco)

Grazie!

Ps: prometto che completerò in tempi brevi la pagina About Me. Nel frattempo potete tranquillamente fare stalking sul mio profilo LinkedIn, che mi sono degnato di aggiornare dopo 5 anni.

* Gi/G è il mio soprannome nel mondo reale (c’è gente che è morta dopo avermi chiamato GrG): di recente è stato battezzato un Beagle in mio onore, quindi, mi sono detto, perchè non anche un server?

Io MODIFICO. Quando voglio.

Io MODIFICO. Quando voglio.

Qualcuno me l’ha chiesto, qualcuno mi ha accusato (come se fosse reato), quindi ci tengo a specificarlo prima che succeda qualche tipo di casino (e, lo so, succederà, perchè quando ci sono io di mezzo succedono tutti i casini possibili immaginabili): si, è vero, io modifico gli articoli.

Non starò qui a raccontarvi per la sedicesima volta la storia di questo blog. Sostanzialmente, è nato nel 2006/2007 con contenuti di tipo “stream of consciousness”: ci scrivevo qualunque cosa mi passasse per la testa, senza far troppo caso alla forma (ed ai contenuti).

Poi, però, ho iniziato ad usare i social network, che sono posti molto più adatti a scrivere quello che passa per la testa, e mi sono deciso a ripulire il blog, sulla spinta anche delle richieste di chi apprezzava le mie recensioni ma se ne sbatteva totalmente di quella che era la mia idea sulla tipa X incrociata la mattina in treno, o sui caffè dell’Autogrill.

Soluzione? Piallarlo completamente e ripartire da zero, cosa che ho già fatto due volte. Quella che è online, è la terza versione (una curiosità del caso è che io, “backuppomane seriale”, ho perso ogni copia della v1).

Dicevo, articoli di qualità: io studio, sviluppo, lavoro, vivo, corro in giro dalla mattina alla sera, e non ho tempo per mantenere un (inutile) blog di news di settore. Non ho nemmeno troppi mezzi per ricevere notizie dirette e “fresche”, perciò di fatto mi dovrei limitare a ripubblicare, tradurre e riordinare pezzi presi da altre parti.

L’unico modo per sopravvivere nella blogosfera (e per mantenere una reputazione) è scrivere qualcosa che sia interessante, unico e di un certo livello. Spesso impiego anche 3/4 giorni a studiare e scrivere un articolo, perchè non mi limito a riportare fatti o news ma faccio anche attente analisi dei temi di cui parlo. Dopo aver scritto leggo, rileggo, modifico, ricontrollo. Per abitudine, infine, faccio un ultimo controllo uno o due giorni dopo aver pubblicato.

Quindi si, in sostanza è possibile che “quella frase ambigua” sia sparita o si sia corretta da sola, che il paragrafo che siete sicuri di aver letto non ci sia più, ed è possibile che a lungo andare io mi dimentichi anche dell’esistenza delle parti cancellate. Anche se raramente, può capitare anche che l’articolo “che ieri c’era” sia… …sparito.

Quindi, un consiglio: sono un sysadmin, il mio stampo è quello. Considerate i miei articoli come fossero delle “beta”, che diventano automaticamente “stable” in 4/5 giorni dalla data di pubblicazione.

We speak IPv6!

We speak IPv6!

Inutile ricordare quanto sia importante la diffusione, immediata, di IPv6. Un modo per non restare indietro, per restare al passo con il mondo di internet che corre veloce (e, cresce). Un modo per evitare gli scenari apocalittici da esaurimento di indirizzi v4, un modo per non tornare al paleolitico: alle connessioni lente, ai siti irraggiungibili.

Quindi, da oggi (da qualche giorno in realtà, ma ero in fase di testing) grg.pw è raggiungibile anche in IPv6:

;; ANSWER SECTION:
grg.pw.        37216   IN      CNAME   tmp6.grg-web.eu.
tmp6.grg-web.eu.        17348   IN      A       205.185.117.144

;; ANSWER SECTION:
grg.pw.        37176   IN      CNAME   tmp6.grg-web.eu.
tmp6.grg-web.eu.        17308   IN      AAAA    2607:f358:1:fed5:5:0:484:1

Il supporto IPv6 è offerto nativamente da BuyVM (di cui avevo già parlato qui), provider presso il quale è ospitata la VPS su cui gira questo sito (credo passerò a qualcosa di più serio nei prossimi mesi, appena ne trovo il tempo, quasi sicuramente Linode).

Probabilmente, se volete connettervi al mio sito usando questo protocollo, dovete creare un tunnel “6in4” (hey, è gratis!). Ora come ora non ho guide pronte (potrei pensare di scriverne una), per cui vi rimando a GoGo6, ottima risorsa per chi decidesse di avvicinarsi a questo mondo (e anche per chi fosse costretto a farlo).

Ho testato tutto in tutti i modi possibili immaginabili (in dual stack è facile lasciare indietro qualcosa e non accorgersi degli errori), ma qualche svista può sempre esserci. Vi prego, nel caso in cui riscontraste errori o notaste qualcosa che non va, di contattarmi (rispondo sempre!). Al momento in cui scrivo manca il reverse DNS per l’indirizzo IPv6 (hmm, potrebbe esser problematico l’invio di email) e il setup DNS è ancora provvisorio (ho creato record temporanei per un veloce rollback in caso di problemi).

Anche Postfix (usato solo per le email in uscita dal blog, attualmente) è stato configurato per privilegiare le connessioni IPv6 rispetto alle v4. Molti sconsigliano questa pratica a causa dei problemi di connettività, io però ho voluto provare, pre rendermi conto. Terrò sotto stretto controllo i log. Fortunatamente, il traffico è minimo.

Il prossimo passo sarà rendere anche le mie mailbox (grg-web.eu e altri) compatibili con IPv6, ma questo è già più complesso, e non dipende completamente da me (le mailbox sono ospitate da Directi per ragioni di affidabilità e stabilità, e allo stato attuale delle cose non ci sono le premesse per tornare su una soluzione in-house). Stesso dicasi per i NameServer di grg-web.eu. Sono gestiti da Directi, e non accettano connessioni IPv6.

Una piccola nota: ieri pomeriggio mi sono messo alla ricerca di fornitori di webhosting con supporto IPv6, per pura curiosità, con risultati abbastanza imprevisti: i grandi, tra i quali Aruba, non sembrano conoscere minimamente questa nuova tecnologia. OVH offre supporto IPv6 solo sul “fronte” web (HTTP).

L’unico provider ad offrire supporto IPv6 (quasi) completo è, con immenso stupore (chi era cliente nel periodo di passaggio da PHP4 a PHP5 sa di cosa parlo) Tophost: oltre al lato web, rispondono in AAAA anche gli MX e i servizi SMTP e IMAP/POP. Il pannello di controllo, così come il sito aziendale, rimangono v4-only. Ho provveduto, considerata l’offerta in homepage, a comprare il dominio+hosting goingv6.eu. Anche se non so ancora cosa farci.

Se le politiche interne non sono cambiate da quando sono sparito io, uno dei prossimi ad arrivare nel mondo delle 4 “a” dovrebbe essere la mia amata Supernova SRL.

Vi aggiorno.

Giorgio

%d bloggers like this: